Logotipo Regione Toscana

Itinerari
dell’Agrobiodiversità

La
Garfagnana

Ricca di biodiversità agraria e alimentare, di cultura rurale e gastronomica, è una zona storica e naturale della Toscana;  nella provincia di Lucca, corrisponde al bacino superiore del fiume Serchio, sul versante meridionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e su quello interno delle Alpi Apuane.
Mappa interattiva dei Coltivatori e degli Allevatori Custodi, della Banca del germoplasma, dei Produttori di Farro IGP e della Farina di Neccio DOP, dei produttori di Prodotti Tradizionali Agroalimentari della Garfagnana .

I custodi dell’agrobiodiversità  / vedi tutti

Azienda Agricola Pieroni Angela

Azienda Agricola Pieroni Angela

Eredita la tradizione agricola familiare della coltivazione della Zucca dell’Alpe Nostra, oggi a rischio di estinzione e che ha provveduto a conservare e a riprodurre. I terreni sono lavorati per coltivare la Zucca dell'Alpe ossia in campi separati, in modo da evitare incroci con varietà simili. Appassionata di biodiversità e cultura del paesaggio. L’orto di famiglia si trovava sulla famosa Via Vandelli, un tempo importante via di collegamento tra Modena e Massa Carrara.
Bertei Enrico Renato

Bertei Enrico Renato

Coltivatore custode hobbista con una superficie a disposizione di 5 ettari, che si riconosce pienamente nella tutela dell’agrobiodiversità.
Apicoltura Il Castello di Giannotti Anna Maria

Apicoltura Il Castello di Giannotti Anna Maria

Coltiva varietà locali portando avanti i metodi di coltivazione tradizionali con concimazioni naturali, rotazione colturale. Produce miele in modo artigianale.
Graziani Leonardo

Graziani Leonardo

Hobbista e Coltivatore custode, partecipa con orgoglio alla salvaguardia dell’agrobiodiversità della Garfagnana.
Comparini Gastone

Comparini Gastone

Hobbista con la passione per l’agricoltura e le tradizioni locali.
Come aderire

Le adesioni all’Itinerario da parte dei Coltivatori e Allevatori Custodi, produttori di PAT e di prodotti DOP e IGP, sono sempre aperte: inviare una richiesta per posta elettronica a
agrobiodiversita@regione.toscana.it

Gli aggiornamenti all’Itinerario vengono realizzati 2 volte all’anno (ogni 6 mesi).
Il progetto potrà essere replicato anche in altre zone della Toscana.

aderire